Banner Quale.it 728 x 90 px

Differenza tra voltura e subentro: come non confondersi

Condividilo coi tuoi amici

La differenza tra voltura e subentro non è sempre chiara. Molte volte si fa confusione tra le due cose. In questo modo ci si ritrova in situazioni spiacevoli. Ci si ritrova a pagare somme non lecite. Oppure si creano disguidi con le società fornitrici. Quindi è molto importante capire quale sia la differenza tra le due cose. In questo modo è possibile essere più chiari con i gestori al fine di non commettere errori. Anche perché i gestori non fanno nulla per evitare fraintendimenti. Il loro obiettivo è guadagnare. Quindi spesso non si pongono il problema di correggervi. Quali sono dunque le differenze? Vediamo subito.

Banner Quale.it 728 x 90 px

Differenza tra voltura e subentro: come non confondersi

Passiamo ora a spiegarvi in cosa si differenziano voltura e subentro. La voltura si fa quando si vuol passare il contratto ad un nuovo intestatario. Ciò avviene quando ad esempio cambiate casa. La fornitura non viene stoppata. In questo modo verrà cambiato solamente l’intestatario del contratto. La tariffa resterà la stessa senza nessuna modifica. Quindi il fornitore e la tariffa resteranno gli stessi, cambierà solo l’intestatario. Discorso diverso vale per il subentro. Il subentro si fa nel caso in cui venga richiesta invece la riattivazione della fornitura. Nel caso in cui quindi il precedente proprietario avesse interrotto la fornitura. In questo caso occorre riattivarla. Quindi basterà scegliere il nuovo fornitore. Si attiverà una linea nuova che non ha assolutamente a che fare con la precedente. Per scegliere il nuovo fornitore, vi consigliamo SosTariffe.

differenza tra voltura e subentro

Differenza tra voltura e subentro: i costi da sostenere

Passiamo ora a vedere quanto costa fare una voltura o un subentro. Per la voltura il costo dipende se siamo in mercato libero o in servizio di maggior tutela. Per il primo caso il costo è di 27€ più altri costi in base al fornitore. Questi costi saranno addebitati sulla prima fattura. Nel secondo caso invece il costo totale è di 77€. Per il subentro, c’è distinzione tra mercato libero e tutelato. Nel primo caso il costo è circa di 76€. Nel secondo caso invece il costo varia in base all’operatore scelto. A questo costo c’è da aggiungere 27,03€ per oneri amministrativi. Risolto quindi un dilemma come quello della differenza tra residenza e domicilio.

Condividilo coi tuoi amici
Banner Quale.it 728 x 90 px

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *